Il gusto della storia: MANTO, MANTOVA

22 Mag 2020 MANTO, MANTOVA

IL GUSTO DELLA STORIA: MANTO, MANTOVA!

a opera di: Serena Previti- Guida Turistica Abilitata

Quanto il nome sia importante! Quanta leggenda e storia si celano dietro l’accostamento elegante di lettere: Mantova!

È così che il filone leggendario trova espressione nella figura dell’indovina Manto, fondatrice della città.  L’indovina della città greca di Tebe, secondo il mito, avrebbe lasciato la Grecia, per approdare in Italia e da lei Mantova prenderebbe il Suo nome.

Secondo il mito greco Manto, la figlia di Tiresia, avrebbe ereditato la capacità di predire il futuro. Il nome stesso “Manto” è così collegabile alla parola greca “mantèia” che significa predizione.

Nella Sala di Manto che si trova nel Palazzo Ducale e che fa parte dell’Appartamento Grande Castello, l’indovina viene proprio celebrata come fondatrice, approdata nella palude insieme al figlio Ocno.

Anche nella cultura ebrea vi è un sensibile attaccamento al nome della città virgiliana. Alcuni scribi ebrei infatti, partendo dall’ espressione ebraica Man tov indicavano la città dei Gonzaga luogo della “manna buona”, così come si può ricavare dalla “traduzione”.

Va ricordato che anche in letteratura l’omaggio a Manto, quale donna illustre, è presente. Si passa dal “De mulieribus claris” di Boccaccio, al XX canto della “Divina Commedia” di Dante, fino all’”Eneide” di Virgilio.

Anche lui, Ocno, chiama una truppa dalle patrie terre,

figlio della fatidica Manto e del fiume Tosco,

che diede a te, Mantova, le mura ed il nome della madre

Virgilio, Eneide, Canto X, 198-200

Mantova divenne così, già nel nome, un’eccellenza. Luogo di cultura e tradizione. Artisti, poeti e scrittori la videro come un richiamo. Scolpita a tratti sulle pagine e nelle loro pause. “Una bella addormentata” nelle ultime definizioni…che attende il meritato risveglio!

Dott. ssa Serena Previti Guida Turistica – tel. 349 2350250 – serena.previti@hotmail.it